Caos Calmo di Sandro Veronesi

Una scrittura micidiale anzi in certi casi diabolica. Come mi era capitato con "Come dio Comanda" di Niccolò Ammaniti (non per niente il primo fra i 41 romanzi più belli che ho letto nel 2007) anche con Caos Calmo di Sandro Veronesi leggere la prima pagina vuol dire non fermarsi più fino all’ultima (e sono 451!). Premio Strega 2006 (nel 2007 il premio è stato vinto da… "Come dio Comanda"). L’inizio è un cataclisma di avvenimenti: mare infuriato, donne che rischiano l’annegamento, morte improvvisa della compagna del protagonista… insomma il caos. Poi il resto del libro è come una apparente calma piatta: il protagonista, manager di successo, perde contatto con la realtà e decide di passare le sue giornate davanti alla scuola elementare frequentata dalla figlia. Ma se lui rifugge la vita la vita tuttavia continua a cercarlo: i colleghi, gli amici ed i parenti  vengono a trovarlo davanti alla scuola per asfissiarlo con i propri problemi: insomma un caos calmo (con sorpresa finale!). Molto particolare la raffigurazione delle donne nel romanzo anzi più che "particolare" direi proprio "partigiano": in pratica non ce n’è una che si salvi (tranne la figlia decenne). Uno scrittore misogino?

Scheda del libro

  • Titolo: Caos Calmo
  • Autore: Sandro Veronesi
  • Editore: Bompiani
  • ISBN: 8845234894
  • Pagine: 451
  • Anno: 2005
  • Prezzo: 17,50 euro

Articoli consigliati (in questo sito)

Link

Vota quest'articolo

 Ti è piaciuto l'articolo? Votalo su Oknotizie 

AG-Vocabolario: