Labilità di Domenico Starnone

Ossessione dello scrivere. Il protagonista è uno scrittore di successo che improvvisamente vede materializzarsi le sue peggiori paure: incapacità di scrivere, crisi sentimentale con la moglie da sempre al suo fianco, invadenza ed arroganza da parte di un giovane romanziere emergente che cerca il suo placet; una serie di personaggi continuano ad apparire nelle pagine del libro e ciascuno di questi (una donna attratta da lui, la madre, il vecchio compagno di giochi) gli provoca sempre più ansia, instabilità, fragilità (in una sola parola: labilità). Nella seconda parte del libro però tali personaggi assumono sempre più le caratteristiche di visioni, di vere e proprie allucinazioni. Cos’è reale e cosa è frutto dell’immaginazione?

Doppia vita?

Da anni circola la leggenda che Starnone abbia una doppia vita letteraria nel senso che abbia anche pubblicato dei romanzi con lo pseudonimo di Elena Ferrante. Secondo alcuni commentatori Labilità con le sue visioni ed allucinazioni sembrerebbe confermare tale tesi.

Labilità

(tratto da Sabatini Coletti  Dizionario della Lingua Italiana)
Caratteristica di ciò che è poco consistente o precario: la l. dei beni di questo mondo || l. mentale, condizione psicologica di chi è fragile, instabile

La frase

Un buon libro è una speranza: vuol dire che è ancora possibile scriverne, che vale la pena di tentarte

Incipit

(dal sito Feltrinelli)
Era in terza fila accanto a una ragazza con i capelli blu e mi bastò vederlo per sentire un dispiacere fievole, come l’inizio di un malumore. Finché parlai, mi fissò senza consenso, stringendosi il gomito con la sinistra e tenendo le dita della mano destra davanti alla bocca. Fu quella posa a rendermi scontento. Mi sembrò un’armatura vanitosa, di quelle che indossavo anch’io da ragazzo per sentirmi distante e fuori della norma. Perciò, trascurando il resto dell’uditorio, mi rivolsi spesso a lui, specialmente quando facevo domande o dicevo cose spiritose. Volevo che si imbarazzasse, che ridesse, che insomma si agitasse sulla sedia fino a cambiare posizione e cedermi. Ma il giovane non mostrò disagio né ebbe mai un guizzo di allegria. Forse perché aveva capelli neri ondulati ma ciglia chiare sopra gli occhi azzurri, dava l’impressione di uno che ha sempre tutto ciò che può servire e non conosce l’ansia. Seguitò per tutto il tempo, con il solo fatto di esserci, a ostentare una contegnosa inviolabilità. (continua)

Scheda del libro

  • Autore: Domenico Starnone
  • Titolo: Labilità
  • Pagine: 304
  • Prezzo: 9,00 euro (6,75 online)
  • Anno: 2007
  • ISBN: 978-88-07-81994-0

Articoli consigliati (in questo sito)

Link

AG-Vocabolario: