Neve, di Pamuk Orhan

Romanzo magico. In una atmosfera kafkiana, il protagonista Ka (forse poeta, forse solo illuso di essere un poeta) torna nella natia Turchia e rimane isolato dalla neve (Kar in turco, titolo originario del romanzo) nel "paese di confine" di Kars dove tutto si svolge su un piano surreale. Amore, politica, terrorismo, Islam, curdi, poesia, tradimento: tutti i temi cari a Pamuk Orhan (premio Nobel per la letteratura nel 2006) sono presenti in questo romanzo mirabilmente mescolati in una dimensione quasi onirica.

Quasi un mese

Questo libro mi ha fatto compagnia per quasi un mese. Non è certo un romanzo facile ma che consiglio caldamente anche per conoscere, in maniera più seria anche se letteraria, la Turchia in equilibrio tra passato e futuro.

Tradimento ed ambiguità

Neve è, in un certo senso, un romanzo sul tradimento e l’ambiguità. Ka si trova costretto a mediare tra opposti estremisti (un colonnello da operetta che tenta un golpe sudamericano, estremisti islamici che vogliono abbattere lo stato laico) finendo per essere considerato inaffidabile da tutte le parti. Anche i suoi rapporti sentimentali sono caratterizzati dall’indecisione e dalla paura. .

Frasi

  • Tutti abbiamo una cosa, una cosa che vogliamo veramente nella vita, giusto?
  • Kar (neve). È la forma solida che l’acqua acquista scendendo, ruotando oppure sollevandosi nell’atmosfera
  • A volte succede che si abbia voglia di raccontare tutta la propria storia, dall’inizio alla fine, a una persona che non si conosce affatto e si è sicuri che non si rivedrà mai più…
  • Ricordò che aveva paura di innamorarsi proprio per questo struggente dolore dell’attesa.
  • Deve essere difficile fare la spia per due parti
  • Più che per Ka, le dispiaceva per la sua giovinezza, che aveva sacrificato per i sogni di sinistra

La scheda

  • Autore: Pamuk Orhan
  • Titolo: Neve
  • Titolo originario: Kar
  • Traduzione: Marta Bertolini e Semsa Gezgin
  • ISBN: 978-88-06-18618-0
  • Prezzo: 12,80 euro
  • Pagine: 668
  • Editore: Einaudi ET
  • Anno pubblicazione: 2007

Altre recensioni

Link

AG-Vocabolario: