Riciclaggio e phishing - interviene Banca d'Italia

Il fenomeno del phishing (false comunicazioni via email per carpire codici d’accesso) è in costante aumento e produce non solo allarme sociale ma anche preoccupazioni nelle autorità di controllo finanziario perché spesso utilizzato a fini di riciclaggio di denaro sporco. Sui rapporti tra riciclaggio e phishing spiega tutto "Aspetti economici del crimine online" di Tyler Moore, Richard Clayton e Ross Anderson (disponibile in italiano). Il 5 febbraio 2010 Banca d'Italia ha pubblicato una serie di indicazioni per contrastare il fenomeno del riciclaggio attraverso il phishing; il testo è disponibile sul sito www.compliancenet.it o (in formato pdf) sul sito di Banca d'Italia.
Scrive Banca d’Italia: "(…) gli intermediari che offrono alla propria clientela la possibilità di operare on-line sono invitati ad attivare efficaci sistemi di monitoraggio e prevenzione dell’operatività effettuata al fine di prevenire tali attività illecite. Per agevolare tali valutazioni, si fornisce -ai sensi dell’art. 6, comma 7, lettera b) del decreto legislativo n. 231 del 2007 – l’allegato schema operativo (…)
Qualora emergano operazioni sospette riconducibili ai fenomeni descritti, è necessario segnalarle con la massima tempestività.
Si raccomanda di procedere, nell’ambito della propria autonomia organizzativa e con le modalità ritenute più idonee, a diffondere le presenti indicazioni operative fra il personale incaricato della valutazione delle operazioni sospette."

  • Banca d'Italia: "Schemi rappresentativi di comportamenti anomali (art. 6, co. 7, lett. B d.lgs 231/2007) – frodi informatiche (phishing)" formato html e formato pdf

Amy e Isabelle di Elizabeth Strout

Amy e Isabelle è il romanzo di esordio di Elizabeth Strout della quale ho già letto il bellissimo "Olive Kitteridge", premio Pulitzer 2009 .
Mentre "Olive Kitteridge" racconta, sotto forma di episodi, l’intera vita della sua protagonista nell’arco di 30, 40 anni Amy e Isabelle si svolge invece nell’arco di una caldissima estate: le due protagoniste sono madre e figlia ed il romanzo è la cronaca dell’improvvisa crisi del loro rapporto: dopo avere vissuto insieme da sempre, da sole, in una piccola cittadina americana trovando ognuna nell’altra scopo e significato della propria esistenza ad un tratto la vita le rende nemiche.
Grande introspezione psicologica, bellissima rappresentazione dei personaggi. Un romanzo sull’amore che non arriva mai quando ne avresti bisogno …

Scheda del libro

(tratto dal sito Fazi Editore)

  • Autore: Elizabeth Strout
  • Titolo: Amy e Isabelle
  • Editore: Fazi Editore
  • Pagine: 352
  • ISBN: 88-8112-131-x
  • Prezzo: euro 14,46

Amy e Isabelle di Elizabeth Strout su Google libri in italiano

(alcune pagine sono omesse dal testo del libro)

AG-Vocabolario: 

Traduzione del discorso del commissario EU Viviane Reding sulle sfide della privacy

Ho tradotto in italiano, per il sito www.democratici-digitali.com,  il discorso tenuto da Viviane Reding, Commissario EU per le Telecomunicazioni ed i Media in occasione del Data Protection Day del 28 gennaio 2010, Parlamento Europeo, Bruxelles. La traduzione è disponibile anche in formato pdf e doc.

Viviane ha parlato di Social Network, protezione dei dati, RFID, SWIFT e molto altro ...

Le sfide: 

  • È necessario chiarire l’applicazione pratica di alcune regole e principi chiave (come il consenso e la trasparenza).
  • È necessario assicurare che i dati personali siano protetti indipendentemente dalla locazione del data controller.
  • È necessario promuovere le Privacy Enhancing Technologies (PETs) anche grazie all’introduzione di nuovi principi in evoluzione (quali la ‘privacy by design’).
  • Dobbiamo rafforzare le sanzioni.
  • È necessario incorporare i principi fondamentali della protezione dei dati per coprire tutte le aree di competenza EU, compresa la cooperazione di polizia e giudiziaria in materia di criminalità e le relazioni con i paesi extra EU. 

Link: traduzione in italiano

Altre traduzioni di Agatino Grillo

 

Olive Kitteridge di Elizabeth Strout

Un bellissimo romanzo sui sentimenti che ci accompagnano lungo la nostra esistenza. Un romanzo in forma di racconti, ciascuno dei quali illumina un momento della lunga vita di Olive Kitteridge: giovinezza, maturità e vecchiaia di una donna incompresa, egoista, egocentrica com’è in fondo ciascuno di noi. La provincia profonda degli Stati Uniti così simile alla realtà italiana. Sentimenti fraintesi, delusioni che nascono dall’inaridirsi dei sentimenti verso coloro con i quali viviamo tutti i giorni. La paura della solitudine, la paura della vecchiaia.
Bello e doloroso. Premio Pulitzer 2009.

Chi è Elizabeth Strout?

(tratto da Wikipedia)
Elizabeth Strout (6 gennaio 1956) è una scrittrice statunitense. Nel 2007 ha insegnato al per la Colgate University come professoressa del National Endowment for the Humanities. Nel 2000 ha vinto l'Orange Prize ed è stata nominata per il Premio PEN/Faulkner per la narrativa. Nel 2009 ha vinto il Premio Pulitzer per la narrativa con Olive Kitteridge (2008).

AG-Vocabolario: 

COBIT: "Obiettivi di controllo IT per Basilea II" disponibile la traduzione in italiano, liberamente scaricabile

Ho tradotto in italiano "IT Control Objectives for Basel II: The Importance of Governance and Risk Management for Compliance" di ISACA con il patrocinio di ISACA Roma.
"Obiettivi di controllo IT per Basilea II - L’importanza della Governance e del Risk Management per la Compliance" è liberamente scaricabile dal sito di ISACA Roma  in formato pdf ; la versione word della traduzione (disponibile per gli associati ISACA o per chi ne avesse bisogno per finalità di studio, di ricerca o accademiche) può essere richiesta al sottoscritto (nome.cognome chiocciola gmail.com).
Ecco i link:

  • "Obiettivi di controllo IT per Basilea II - L’importanza della Governance e del Risk Management per la Compliance" versione in italiano (pdf, 727 K, 98 pp.)
  • "IT Control Objectives for Basel II: The Importance of Governance and Risk Management for Compliance" versione originale in lingua inglese (pdf dal sito di ISACA International, solo per gli associati)

Ricordo, per chi fosse interessato, che nel 2008 ho anche tradotto “Obiettivi di controllo IT per la Sarbanes-Oxley” sempre di ISACA (liberamente scaricabile da qui, in pdf, 904 K, 120 pp ).
Di seguito l’ Executive Summary e l’indice di "Cobit per Basilea II".

AG-Vocabolario: 

After dark di Haruki Murakami

Ritorno al mio amato Haruki Murakami dopo la parentesi di Tabucchi.
"After dark" ha un impianto quasi teatrale. Dialoghi, scene fisse, poca introspezione. Ovviamente sempre una grande scrittura.
Adesso mi rimane da leggere solo "Underground" . Poi avrò bisogno di trovare qualcos’altro.

La trama (tratta dal sito Einaudi)

Tokyo, un quartiere che inizia a vivere quando cala il buio, strade dove le insegne di bar e night club restano accese fino all'alba. Dalla mezzanotte alle sette del mattino, alcune persone sono casualmente coinvolte in una squallida vicenda di violenza. All'Alphaville, un love hotel gestito da Kaoru, un'ex campionessa di lotta libera, una giovane prostituta cinese viene picchiata da un cliente che poi fugge. In una caffetteria poco distante, Mari, una diciannovenne studentessa di cinese in cerca di solitudine, sta leggendo un libro; Takahashi, un giovane musicista jazz disinvolto e chiacchierone, vorrebbe attaccare discorso ma si scontra con la sua reticenza. Tuttavia, quando Kaoru cerca qualcuno che faccia da interprete alla prostituta ferita, Takahashi, che con il suo gruppo sta provando in uno scantinato vicino all'albergo, le suggerisce di rivolgersi alla giovane. Mari viene così a contatto con un ambiente a lei estraneo, ma paradossalmente riesce a comunicare con le persone che vi incontra in modo spontaneo e profondo: per la prima volta vince la riluttanza a parlare di Eri, la sorella maggiore, caduta in un letargo volontario dal quale non sembra volersi svegliare. L'immagine della bellissima ragazza che sta per essere inghiottita nel nulla attraverso lo schermo di un televisore apre un pericoloso spazio onirico nel quale rischia in ogni momento di scivolare la realtà.
In bilico tra luce e tenebre - la soglia dove Murakami posiziona l'essere umano, sempre sul punto di essere fagocitato da qualche oscura forza malevola -, Mari parte dal difficile rapporto con la sorella per ritrovare un'affettività rimossa. E intanto scopre in Takahashi, ragazzo solido e sensibile, un valido interlocutore. Tra i due giovani nasce l'abbozzo di un sentimento delicato che nella torbida atmosfera di quelle ore ha una rincuorante freschezza.

AG-Vocabolario: 

Il tempo invecchia in fretta di Antonio Tabucchi

Nove racconti sul passare (implacabile!) del tempo. Foto scattate, quasi rubate, ad un divenire che non si ferma mai. Che non si può fermare.
Sentimenti fissati sulla carta come farfalle.
Grande scrittura.

Scheda del libro

  • Autore: Antonio Tabucchi
  • Titolo: Il tempo invecchia in fretta
  • Pagine: 192
  • Euro: 15,00
  • Editore: Feltrinelli (I narratori)
  • ISBN: 9788807017841

Come inizia

(Tratto da http://www.wuz.it/prime-pagine/3779/tempo-invecchia-fretta-antonio-tabucchi-incipit.html)

«Gli ho chiesto di quei tempi, quando ancora eravamo così giovani, ingenui, impetuosi, sciocchi, sprovveduti. E rimasto qualcosa tranne la giovinezza - mi ha risposto».
Il vecchio professore si era interrotto, aveva un'espressione quasi contrita, si era asciugato precipitosamente una lacrima che gli era spuntata sul ciglio, si era dato un colpetto sulla fronte come per dire che stupido, vogliatemi scusare, si era allargato il cravattino a farfalla di quell'incredibile colore arancione e aveva detto nel suo francese segnato da una forte pronuncia tedesca: prego scusate, prego scusate, avevo dimenticato, il titolo della poesia è II vecchio professore, della grande poetessa polacca Wislawa Szymborska, e a quel punto aveva indicato se stesso come a voler significare che il personaggio di quella poesia in qualche modo coincideva con lui, poi aveva bevuto un altro calvados, responsabile della sua commozione più della poesia, e gli era scappato un mezzo singhiozzo, tutti in piedi a confortarlo: Wolfgang, non fare così, continua a leggere, il vecchio professore si era soffiato il naso in un ampio fazzoletto a quadri: «Gli ho chiesto della foto», aveva continuato con voce stentorea «quella in cornice sulla scrivania. Erano, sono stati. Fratello, cugino, cognata, moglie, figlioletta sulle sue ginocchia, gatto in braccio alla figlioletta, e il ciliegio in fiore, e sopra quel ciliegio un uccello non identificato in volo - mi ha risposto».
(continua su http://www.wuz.it/prime-pagine/3779/tempo-invecchia-fretta-antonio-tabucchi-incipit.html)

AG-Vocabolario: 

L’arte di correre di Haruki Murakami

Diciamolo subito: non è un romanzo ma (forse) il diario di alcune giornate della vita di Haruki Murakami tra il 2005 ed il 2006. Perché forse? Perché quando si ha a che fare con uno scrittore (ed in special modo con uno scrittore fantastico come Haruki Murakami) come si fa a essere sicuri di quel che è realtà (cioè biografia) e quel che è fantasia? Cioè lui dichiara che si tratta del suo diario: ma parla lui (come essere reale) o parla lo scrittore che è in lui?
Quando ho finito di leggere questo libro (diario?) ho pensato: spero sia finzione. Preferisco che Haruki continui a vivere nella fantasia. Per esempio: nel libro sostiene di aver corso la maratona di Maratona (cioè proprio quella in Grecia che ha dato nome ed origine alla maratona moderna); sostiene pure di aver corso una ultramaratona (cioè una maratona di 100 km che è durata 11 ore). Anche se fosse vero: non sarebbe più bello se fosse solo fantasia?

Il titolo

Il titolo (nella versione italiana) sembra suggerire che si tratti di un saggio sulla corsa; in un certo senso è vero ma solo nel senso che per scrivere Haruki Murakami ha bisogno anche di correre. Nella versione originale (vedi sotto) il titolo richiama invece Di cosa parlo quando parlo di amore un libro di Raymond Carver.

AG-Vocabolario: 

Garante Privacy: anche la voce è un dato personale

(Notizia tratta da ComplianceNet)

Il Garante per la protezione dei dati personali ha ribadito, nella sua newsletter n. 329 del 9 ottobre 2009  che anche la voce è un dato personale. Di più: il Garante ha precisato che anche suoni ed immagini costituiscono dati personali rispetto ai quali gli interessati possono far valere i diritti loro riconosciuti dalla normativa in materia di privacy.
Nella pratica ciò significa, per le aziende, che registrazioni, suoni ed immagini che si riferiscono ad un "interessato" (cioè qualsiasi persona fisica, giuridica, ente o associazione cui si riferiscono i dati personali) sono soggetti non solo alle misure di sicurezza obbligatorie per i dati personali (e nel caso tali "dati multimediali" fossero "idonei a rivelare l'origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l'adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché (…) lo stato di salute e la vita sessuale" fossero cioè anche "dati sensibili" anche alle relative misure minime di sicurezza) ma rientrano anche nel "diritto d’accesso".

Cos’è il diritto d’accesso?

La disciplina di protezione dei dati personali attribuisce a ciascun interessato il diritto di accedere ai dati personali a sé riferiti e di esercitare gli altri diritti previsti dall'art. 7 del "Codice in materia di protezione dei dati personali".

AG-Vocabolario: 

Tutti i figli di dio danzano di Haruki Murakami

Non so più cosa scrivere su Haruki Murakami. Ho letto

Ed ogni volta ho paura che non ce ne siano altri da leggere. Ma prima o  poi finiranno, è inevitabile. Questa volta si tratta di una raccolta di racconti:

  • Atterra un UFO su Kushiro
  • Paesaggio con ferro da stiro
  • Tutti i figli di Dio danzano (triste …)
  • Thailandia (tristissimo …)
  • Ranocchio salva Tokyo
  • Torte al miele (bellissimo!!!!)

Che farò quando avrò letto tutti i libri di Haruki Murakami?

AG-Vocabolario: 

Pages