ebook

Let's build an immersive storytelling - Interview with Serena Zonca (November 12th, 2014)

(This post is part of a serie on GDG Rome DevFest 2014, Italian translation available here)
serena.jpeg

Agatino Grillo: Hi, Serena. Do you want to introduce yourself quickly?

Serena Zonca: Hello everyone. My name is Serena Zonca. I was born in Bergamo, Italy, on 1967. A degree in Foreign Languages and Literature, journalist. My job is on paper and digital publishing. I am founder of www.autopubblicarsi.it  a web site dedicated to new forms of publishing, and in particular to self-publishing. I like to experiment and I think ebooks are the starting point of the new publishing universe. More information about me can be found on my blog. Obviously I can be contacted via Facebook, Linkedin and Twitter  or directly through my website.

twitter-gdg-4.png

Agatino Grillo: What were you doing at Google DevFest Rome last November 8, 2014 among programmers, engineers and various nerds?

Serena Zonca: Rome Google Developer Group asked me for a contribution to the general conference of the morning on how new technologies are transforming the way people work and so I gave a speech on the subject of virtual reality and the “virtual storytelling”.

Agatino Grillo:  Let’s begin with virtual reality. For many years VR has promised to revolutionize our lives and our way of interacting with digital universes but actually isn’t it is a big disappointment? Are there significant results yet or not?

Serena Zonca: VR has moved a long way since it debuted. As I said in my speech at Google conference, I experienced for the first time virtual reality in 1992 in an event titled “Virtual Workshops” organized by the Triennale in Milan. I had to wear a helmet and a huge belt, connected by a bunch of cables to a computer which at the time seemed monstrous and today would evoke tenderness to tell the truth. I was ashamed not just at the idea of winding myself in that way, also because a small crowd laughed watching the volunteers so masked. But, once connected, I found myself in a new virtual universe: a white room, bare, some little airplanes were suspended in the air, a handful of polygons. The pixels were as big as pancakes and the frame rate of 4-5 fps. But ... I was there. The room existed, it was true! Since then I am always interested in virtual reality.

Agatino Grillo: Can you explain what “virtual storytelling” is?

Serena Zonca: Telling stories is part of the nature of human beings and therefore storytelling is a proven and powerful mechanism to capture attention, communicate and generate emotions, as advertising well knows! Despite being an anthropological constant, even the narrative evolved over time. It is passed from oral form of primordial stories to writing form taking the forms of theater, novel, screenplay film and television, the track of a video game. It has been constantly adapting  to the technical means from time to time available.
The challenge of “virtual storytelling” is to merge the narrative with current technology, including virtual reality, to create a new narrative means that you will no longer receive passively as the current books or movies, but in an interactive way: the stories will not be limited as now by a beginning and an end but propose multiple junctions and endings. To realize this “virtual storytelling” writers would work with software developers, digital graphics, 3D modelers ...

Agatino Grillo: What is the connection between “virtual storytelling” and virtual reality?

Serena Zonca: The connection is the immersion, which is another constant of the cultural history. Human beings have always tried to recreate the illusion of worlds and be part of them, to be surrounded by 360 °. The earliest examples date back to classical antiquity: I refer to the frescoes of the Villa of Livia at Prima Porta, in Rome, the trompe l'oeil of the Room of the Villa Farnesina in Rome and ever so many other examples up to the Cinerama and Sensorama in sixties of 1900.
Thus we come to 1992 mentioned earlier. Virtual reality promised an immersive revolution which hasn’t been realized yet. The computers were too slow; the display, the position detectors, the gloves too expensive and cumbersome. The princely progress  of VR has suffered a setback before that the apocalyptic predictions of detractors had time to occur.
Today, however, the context returns to appear favorable. On one hand we assist to the advancement of technology and on the other hand the user interfaces are today more friendly and people easily deal with computers and the network.
Today a VR platform is available and it costs more or less one thousand of euros:Oculus Rift, Microsoft Kinect and Virtuix Omni. It permits everyone to enter into an artificial world moving and interacting naturally with its components.

141112-sensorama.jpg

Agatino Grillo: How do you think the publishing industry will evolve in the coming years? Many fear that new technologies can wipe out the world we know now, and have justified fears. In 10 years will there still books? Or will they die out as vinyl records did?

Serena Zonca: The world does not stop for our fears. The real challenge is managing this change not to oppose it. I'm sure that paper books will continue to exist for decades. What we need to work is to build new languages and new tools that allow us to exploit the opportunities that technology offers us today and to meet the needs of a new audience. For this I was very pleased to attend the Google meeting and to confront with Google engineers who design digital tools essential to the cultural development of mankind.

google-devfest-2.jpg

Agatino Grillo: Is there any specific project you're working at on this front?

Serena Zonca: Just at Google Rome DevFest we launched the proposal to create a true “story immersive” ebook thanks to the power and wealth of the community that this type of event collects. Another goal would be to develop new tools to bring the authors to immersivity  and give them major autonomy in experimenting new languages. Immersive storytelling requires, I think, sharing cultural and technological experiences.

Agatino Grillo: Thanks Serena

Serena Zonca: Thank you all.

Slides of the presentation

  • Serena Zonca, “Virtual Storytelling”, Google DevFest 2014, Roma , 8 novembre 2014

How contact Serena Zonca

Connected posts

Costruiamo insieme una storia immersiva – intervista a Serena Zonca (12 novembre 2014)

(This post is part of a serie on GDG Rome DevFest 2014)

serena.jpeg

Agatino Grillo: Ciao Serena. Vuoi presentarti rapidamente?

Serena Zonca: Ciao a tutti. Mi chiamo Serena Zonca, sono bergamasca, classe 1967. Sono laureata in Lingue e letterature straniere, giornalista e professionalmente mi occupo di editoria cartacea e digitale. Curo il sito Autopubblicarsi.it dedicato alle nuove forme di editoria e in particolare al self-publishing. Mi piace sperimentare e credo che gli ebook siano il grado zero della nuova editoria. Ulteriori informazioni su di me sono disponibili sul mio blog. Ovviamente posso essere contattata via Facebook, Linkedin e Twitter o direttamente attraverso il mio sito.

twitter-gdg-4.png

Agatino Grillo: Che ci facevi alla Google DevFest di Roma dello scorso 8 novembre 2014 tra programmatori, ingegneri e nerd vari?

Serena Zonca: Google mi ha chiesto un contributo per la conferenza generale del mattino su come le nuove tecnologie stiano trasformando il modo di lavorare e così ho presentato un intervento sul tema della realtà virtuale e del “virtual storytelling”.

Agatino Grillo: Cominciamo dalla realtà virtuale. Non è stata una grande delusione? Se ne parla da anni ma ancora non ci sono risultati significativi o sbaglio?

Serena Zonca: Come ho raccontato nel mio intervento, ho sperimentato per la prima volta la realtà virtuale nel 1992 a un evento intitolato Laboratori del virtuale organizzato dalla Triennale a Milano. Bisognava indossare un enorme casco e un cinturone, collegati tramite un mazzo di cavi a un computer che all’epoca pareva mostruoso e oggi farebbe tenerezza e a dire la verità mi vergognavo non poco all’idea di bardarmi a quel modo, anche perché una piccola folla sghignazzava osservando i volontari così mascherati. E invece, una volta collegata mi sono ritrovata in un nuovo universo virtuale: una stanza bianca, spoglia; nell’aria erano sospesi alcuni aeroplanini, una manciata di poligoni. I pixel erano grossi come frittelle e il frame rate di 4-5 fps. Però … io ero lì. La stanza esisteva, era vera! Da allora mi interesso di realtà virtuale.

Agatino Grillo: Cos’è invece il “virtual storytelling”?

Serena Zonca: Narrare storie fa parte della natura degli esseri umani e quindi lo storytelling è un meccanismo collaudato e potente per catturare l’attenzione, comunicare e generare emozioni, come ben sanno i pubblicitari. Pur essendo una costante antropologica, anche la narrazione si è evoluta nel tempo. È passata dall’oralità dei racconti primordiali alla scrittura, prendendo le forme del teatro, del romanzo, della sceneggiatura cinematografica e televisiva, della traccia di un videogame. Si è adattata ai mezzi tecnici di volta in volta a disposizione.
La sfida del “virtual storytelling” è fondere la narrazione con le attuali tecnologie, compresa la realtà virtuale, per creare un nuovo mezzo narrativo che non sarà più fruito passivamente come gli attuali libri o film, ma in modo interattivo: le storie potranno non limitarsi più a un inizio e una fine ma prevedere bivi e conclusioni multiple. Per realizzare il “virtual storytelling” gli scrittori dovranno collaborare con gli sviluppatori di software, con i grafici, con i modellatori 3D...

Agatino Grillo: Qual è il punto di contatto tra il “virtual storytelling” e la realtà virtuale?

Serena Zonca: Il collegamento è l’immersività, che è un’altra costante della storia culturale. Gli esseri umani hanno sempre cercato di ricreare mondi e l’illusione di farne parte, di esserne circondati a 360°. I primi esempi risalgono all’antichità classica: mi riferisco agli affreschi della Villa di Livia a Primaporta, a Roma, al trompe l’oeil della Sala delle Prospettive di Villa Farnesina sempre a Roma e a tanti altri esempi fino ad arrivare al Cinerama e al Sensorama degli anni ‘60 del 1900.
Arriviamo così al 1992 di cui parlavo prima. La realtà virtuale era la promessa di una rivoluzione immersiva che però non c’è stata. I computer erano troppo lenti; i display, i rilevatori di posizione, i guanti troppo costosi e ingombranti. Le magnifiche sorti e progressive della realtà virtuale hanno subito una battuta d’arresto prima ancora che le previsioni apocalittiche dei detrattori avessero il tempo di verificarsi.
Oggi, però, la congiuntura torna a presentarsi favorevole. Grazie, da una parte, agli avanzamenti della tecnologia e, dall’altra, alla naturalezza con cui ormai ci rapportiamo con i processori e la rete.
Con una configurazione il cui costo iniziale sul mercato si aggira intorno al migliaio di euro (Oculus Rift, Microsoft Kinect e Virtuix Omni) siamo già in grado di entrare dentro un mondo artificiale e di muoverci e interagire con naturalezza con le sue componenti.

141112-sensorama.jpg

Agatino Grillo: Come pensi evolverà l’editoria nei prossimi anni? Molti temono che le nuove tecnologie possano spazzare via il mondo che conosciamo adesso e hanno giustificati timori. Tra 10 anni esisteranno ancora i libri? O faranno la fine del vinile?

Serena Zonca: Il mondo non si ferma per le nostre paure. La vera sfida è governare il cambiamento, non opporvisi. Sono comunque convinta che i libri cartacei continueranno a esistere per decenni. Quello su cui dobbiamo lavorare è costruire nuovi linguaggi e nuovi strumenti che ci permettano di sfruttare le opportunità che la tecnologia oggi ci offre e di soddisfare i bisogni di un pubblico nuovo. Per questo sono stata ben lieta di partecipare all’incontro di Google e di confrontarmi con i tecnici che progettano strumenti digitali fondamentali per lo sviluppo culturale dell’umanità.

google-devfest-2.jpg

Agatino Grillo: C’è qualche progetto concreto a cui stai lavorando su questo versante?

Serena Zonca: Proprio alla Google DevFest di Roma abbiamo lanciato la proposta di creare una vera “storia immersiva” grazie alla potenza e alla ricchezza della comunità che si tra sviluppando intorno a questo tipo di evento. Un altro obiettivo potrebbe essere quello di sviluppare nuovi strumenti per avvicinare gli autori all’immersività e dare loro autonomia nella sperimentazione di nuovi linguaggio espressivi che richiedono, come dicevo, una forte condivisione di esperienze e lavoro con altre figure professionali.

Agatino Grillo: Grazie Serena e buon lavoro!

Serena Zonca: Grazie a tutti!

Testo e slide della presentazione di Serena alla Google DevFest 2014

  • Serena Zonca, “Virtual Storytelling”, Google DevFest 2014, Roma , 8 novembre 2014

Per contattare Serena Zonca

Articoli collegati